Il grande show del Verde è all'Auditorium.

Esiste un database dei terreni agricoli abbandonati (per chi ha voglia di coltivarli)

Esiste un database dei terreni agricoli abbandonati (per chi ha voglia di coltivarli)

Dare nuova vita ai terreni in disuso, assegnandoli in concessione a chiunque abbia voglia di coltivarli, in modo da creare nuove realtà economiche, ambientali e sociali. Questo è l’approccio del progetto della Banca della Terra, lanciato in Toscana nel 2012 e ad oggi in espansione in altre regioni d’Italia, grazie all’iniziativa della Lega Coop Agroalimentare.

Gli obiettivi del progetto

I terreni in questione vengono mappati, inseriti in un elenco e messi a disposizione degli agricoltori privi di appezzamenti da coltivare, dando la precedenza ai giovani. Il progetto coinvolge cooperative operanti in diverse filiere (vitivinicola, olivicola olearia, florovivaismo, cerealicola) e prevede l‘assegnazione dei terreni resi disponibili attraverso varie forme contrattuali.

Gli obiettivi cardine del progetto sono quelli di contrastare l’abbandono dei terreni e delle produzioni da parte dei soci di cooperative, mantenere ed incrementare la produttività dei terreni in abbandono e favorire il ricambio generazionale in agricoltura.

La regione Toscana ha attualmente assegnato oltre 300 ettari di terreni agli agricoltori che ne abbiano fatto richiesta, ma sono diverse le regioni, tra cui Liguria e Trentino, che hanno accolto l’iniziativa, nell’ottica di incentivare l’aggregazione e la crescita aziendale, la valorizzazione della filiera agricola, sensibilizzando le comunità sui temi ambientali, in particolar modo sulla difesa e l’utilizzo proficuo del suolo.

E di tante altre buone notizie green parliamo al Festival del Verde e del Paesaggio, dal 18 al 20 maggio all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Se vi piace vivere nel segno dell’ecologia non mancate, con noi ci saranno i migliori vivaisti d’Italia, designer, artigiani, aziende dell’oudoor, ma anche paesaggisti, architetti, agronomi, tecnici, per darci nuovi spunti creativi per ogni spazio verde.

 
Commenti

Non è presente alcun commento