IX Edizione

I consigli del vivaista per la coltivazione della Rosa

I consigli del vivaista per la coltivazione della Rosa

Rose, Peonie, Succulente, Aromatiche, Piante da frutto; le piante in esposizione al Festival del Verde e del Paesaggio 2018, dal 18 al 20 maggio all’Auditorium Parco della Musica di Romaarricchiranno il percorso espositivo trasformandolo in un festa dedicata al verde, alla passione per il giardino e al design.

Se architetti e paesaggisti metteranno in mostra giardini temporanei, giovani creativi si daranno sfida nei concorsi di progettazione green, gli oltre 200 espositori tra vivaismo, design e artigianato d’eccellenza ci faranno scoprire piante meravigliose, rare, dei piccoli grandi tesori botanici. E parlando di botanica, oggi vogliamo darvi condividere con voi i consigli del Vivaio Rose Barni, espositore al Festival che da 1882 produce meravigliose collezioni di rose d’autore.

Il clima

Le piante di rosa resistono bene ai geli del clima italiano e solo eccezionalmente sono necessari accorgimenti per la sua coltivazione invernale. La temperatura ideale per la fioritura delle rose è compresa fra i 12 e i 25 gradi centigradi. Al di sotto, la pianta può formare rami detti “ciechi”, cioè senza formazione di bocci, ed oltre i 25 °C i fiori risulteranno più piccoli e la vegetazione rallentata. Quindi, in zone calde e aride, nei mesi estivi, le rose possono andare a riposo: risulta perciò inutile annaffiare frequentemente, concimare o potare. E’ molto meglio ricominciare a coltivare dopo il passaggio dei forti calori per avere magnifiche fioriture autunnali e invernali.

 
Commenti

Non è presente alcun commento