Verde e design per terrazzi, balconi e giardini

Il Mercato del Festival

Il mercato del Festival del Verde e del Paesaggio mette in mostra le ultime tendenze del verde e del design da esterni. Nei tre giorni di manifestazione si acquistano le piante più rare e più belle dei migliori vivai italiani, gli oggetti, i mobili e i complementi da esterno dei negozi ed antiquari più selezionati, si scoprono spunti e proposte di designer e artigiani, lungo un percorso di oltre un chilometro nella magnifica cornice dell’Auditorium di Renzo Piano.

Clicca i cartelli per scoprire gli espositori di questa edizione!


Festival del Verde e del Paesaggio - Espositori 2013Festival del Verde e del Paesaggio - vivai 2013



Giardini applicati

In questa terza edizione il Festival propone una nuova sezione espositiva: i Giardini applicati, selezione delle migliori aziende che operano nel settore della manutenzione del verde che presentano i loro progetti di giardini realizzati in collaborazione con architetti, paesaggisti e garden designer.

Espongono (introdotti dalla descrizione del progetto dove disponibile):


Biosinergy

Manutenzione del verde pubblico e privato. Progettazione giardini
Indirizzo: Via A. Maria di Francia 6/A, 00138 Roma
Referente: Mauro Sansone
Tel: 06 45473235 - Cell: 335 5267055
info@biosinergy.it / www.biosinergy.it


Domus Arbor
Treeclimbing. Arboricoltura, gestione, potatura e abbattimento alberi in ambiente urbano
Indirizzo: Via Gargano 34, 00141 Roma
Referente: Alessio Skikuli
Cell: 334 9011635
info@domusarbor.it / www.domusarbor.it



Giardino al femminile (fuori concorso)
progetto di Maria Elena Marani con la collaborazione di Giuseppe Fabrini e Filippo Lucatello

Con il patrocinio di Università di Roma "La Sapienza", Orto Botanico di Roma, Giardino Romano Garden Club
Sponsor Ortincasa, Rosa Garden Bio, Cave riunite, Fior di tufo, Paolo Alfonsi, Vivaio S'Orrosa


Il “Giardino al femminile” che verrà realizzato nell’ambito della manifestazione “Festival del Verde e del Paesaggio, in programma presso il Parco della Musica di Roma nei giorni 17, 18  e 19 maggio 2013, è un progetto dell’Architetto Paesaggista Maria Elena Marani, ospite nella sezione “giardini applicati” come rappresentante dell’Associazione Giardino Romano, Garden Club di Roma.
Questo progetto rappresenta un’evoluzione concettuale del giardino “Storia e colori in un frammento di paesaggio” vincitore della selezione e conseguentemente realizzato al II Festival dei Giardini “Orto Giardino” organizzato presso Pordenone Fiere dal 2 al 10 marzo 2013.
Il “Giardino al femminile” vuole essere il pretesto per raccontare un “universo femminile” fatto di forme, volumi, profumi, suoni, ma soprattutto di colori e di azioni che vedono la donna protagonista, progettista ed interprete della complessità del mondo femminile, in un happening in cui espressioni artistiche e mondo naturale si fondono idealmente nel giardino, in una prospettiva di benessere e di bellezza.
In effetti si potrebbe dire che “la donna è nata in un giardino” poiché l’idea della donna  fu concepita dal Creatore nel giardino dell’Eden come ultimo atto della Creazione: Mandò dunque il Signore Dio ad Adamo un sonno profondo; ed essendosi egli addormentato, gli tolse una delle coste, e ne riempì il luogo con della carne. E con la costa che aveva tolta ad Adamo, formò il Signore Dio una donna, e gliela presentò. E disse Adamo: «Ecco, questo è un osso delle mie ossa, e carne della mia carne; questa sarà chiamata donna, perchè è stata tratta dall'uomo. Perciò l'uomo lascerà il padre e la madre, e si stringerà a sua moglie, e saranno due in un corpo solo». Genesi 2. 18-24
Il dualismo donna-giardino è successivamente sempre esistito: oltre alle similitudini floreali atte a simboleggiare ed  esaltare la bellezza femminile, l'interesse delle donne alla cultura del paesaggio e del giardino è sempre stata significativa.
In tutto il mondo le donne hanno da sempre sperimentato la progettazione dei giardini, degli orti, dei parchi e del paesaggio in genere, avendo la capacità di coniugare  più valori, estetici, artistici, letterari botanici,  nella progettazione:
inInghilterra con le straordinarie e pioneristiche paesaggiste come Gertrude Jekyll (1843-1932),  Vita Sackville-West (1892-1962), Brenda Colvin (1897-1981) e  Sylvia Crowe (1901-1998);
in America con le paesaggiste Ellen B. Shipman (1870-1950), Beatrixe J. Farrand (1872-1959) e nell'attualità con Mary Miss, Martha Schwartz;
in Italia con l'architetto-paesaggista Maria Teresa Parpagliolo Shephard (1903) come capostipite ed a seguire  alcune paesaggiste contemporanee come Mariella Zoppi, Ines Romiti, Marta Isnenghi e Sofia Varoli Piazza.
L’idea alla base del giardino viene espressa nella “tavolozza dei colori”, interpretazione personale con inchiostri colorati in contenitori di metallo del “cerchio cromatico”, un “laboratorio concettuale” che rappresenta l’estrazione dei colori naturali dalle piante tintorie presenti nel giardino.
Gli stessi colori si ritroveranno nelle sfumature della spalliera di rose rampicanti che fa da fondale al giardino (tema del policromo), nel primo e secondo piano della siepe di Mirtus e Viburnum (quinte sceniche), nelle bordure di arbusti ed erbacee (tema del monocromo), oltre che nei tessuti dei vestiti indossati dai personaggi  femminili, ballerine, modelle e manichini, che animano il giardino ed infine sui corpi "nudi"  delle modelle,  disegnati da un'artista, che effettuerà una performance di   body - painting in tempo reale.
Ogni colore diviene di volta in volta protagonista, indossato dai personaggi, con i ritmi stabiliti dalla lancetta di un “cronocolorimetro”, dell’azione che si svolge nel giardino, che diviene così il luogo di rappresentazione di momenti dell’interiorità femminile interpretata dai colori:
un momento dinamico rappresentato dal giallo, dall’arancio e dal rosso e dai movimenti delle ballerine in una coreografia di danza contemporanea che simboleggiano la felicità, l’energia, la luce;
un momento intermedio rappresentato dal viola, dal verde e dal blu, dalle modelle che percorrono il giardino, leggere, quasi sospese, che simboleggiano la serenità, la riflessione, l’ascolto;
un momento statico rappresentato dalle tonalità di grigio, dalle modelle immobili nel giardino e dai manichini, che simboleggiano l’inquietudine, la solitudine, il silenzio.
Nel giardino sono anche rappresentati i ruoli femminili tradizionali: la madre, la moglie, l’amante e finalmente la “donna moderna”, che pur mantenendo i vecchi ruoli è impegnata e protagonista del mondo attuale, risorsa  di progresso e di civiltà.
Infine voce in giardino, un’attrice di prosa che si esibirà in un monologo sul tema della donna e della natura.
L’innovazione è nella concezione di una “progettualità interattiva”, nel connubio fra esperienza estetica legata alla progettazione del giardino ed esperienza artistica legata alla sfera emozionale di cui la donna è il trait d’union: un giardino dove tutto può accadere e tutto è legato all’improvvisazione delle diverse espressioni artistiche; un giardino che nasce da una progettualità svincolata dalla contestualità storica, ma acquisisce un nuovo valore aggiunto dalla rappresentazione socio culturale ed emozionale dell’universo femminile.
La “Donna”, l’elemento necessario di un Universo, che alla fine del sesto giorno, il Creatore, riflettendo in un “Giardino”, aveva intuito mancasse ancora di qualcosa per essere perfetto.


Giardino Romano
Indirizzo: Via Alessandro Torlonia 33, 00161 Roma
Referente: Antonio Rossini
Tel: 06 44238815
avv.antoniorossini@tiscali.it
 www.roma.ugai.org






Verde a colori
Progetto di Laura Orazi in collaborazione con I Legni di Pinocchio per Florovivaistica del Lazio

All’interno del Festival del Verde e del Paesaggio, istituzionalmente attento alle nuove proposte e alle varie forme creative che ruotano intorno al tema, abbiamo proposto un giardino che reinterpretasse il classicismo del “giardino all’italiana” attraverso l’uso di materiali altamente tecnologici e un accostamento più moderno dei colori delle essenze.
Come nella moda, anche nel giardino infatti sono tornati alla ribalta tutti i colori e le loro possibili declinazioni, e con essi, nel nostro settore, le essenze capaci di stupirci con la loro fioritura che proprio in questa stagione conosce l’apice del fulgore. Queste essenze sono diventate le protagoniste sia dei parterre, sia delle siepi, in un rapporto costante e sapiente con l’arredo e con le strutture. Abbiamo voluto però che il   perno  su cui ruotassero tutti questi colori fosse rappresentato da una grande quinta di verde assoluto (di qui il nome dell’allestimento) per poter presentare la novità del  prato verticale, l’ultimo dei prati pronti firmati Bindi.
Anche la pergola, elemento tipico del giardino all’italiana, è stata rivisitata con un nuovo modello della Frigerio, una pergola in alluminio autoportante a chiusura ermetica che apre un infinito mondo di possibili applicazioni nell’uso quotidiano.
Ci siamo sbizzarriti infine nel proporre, in quattro vasche a confine del giardino, dei piccoli orti metropolitani e degli odorosi giardini dei semplici per sottolineare ancora una volta il concetto che con uno spazio verde a disposizione, se ben progettato, tutto è possibile.



Florovivaistica del Lazio
Progettazione e manutenzione di giardini
Indirizzo: Via Appia Antica 179, 00179 Roma
Referente: Carlo Scarchilli Tel: 06 7840911 
info@florovivaistica.com / www.florovivaistica.com
E.C.A. by I Legni di Pinocchio
Indirizzo: Via Casal del Marmo 706
00166 Roma
Tel: 06 61563824
info@ilegnidipinocchio.it  / www.ilegnidipinocchio.it
Laura Orazi
Indirizzo:  Lungotevere dei Sangallo 1
00186 Roma
Tel: 335 6376154
orazi@lgodesign.it /  www.lgodesign.it


I Love trees
progetto di Pierfrancesco Malandrino

Un micro bosco in miniatura realizzato con Alberi di quercia (leccio, cerro, roverella, farnia) , faggi, aceri, castagni, scotani, carpini.

Il Giardino Malandrino
Cura degli alberi. Realizzazione di giardini e terrazze
Indirizzo: Borghetto della Castelluccia 30/a, 00135 Roma
Referente: Pier Francesco Malandrino
Cell: 335 8228391
giardino@ilgiardinomalandrino.it / www.ilgiardinomalandrino.it


Gira che ti rigira
Progetto e collaborazione di Studio Extramoenia per associazione Il Tetto Casal Fattoria Onlus

“GIRA Che Ti RIGIRA” è un modo di dire ed è la tecnica da utilizzare per conoscere questo giardino, è il sistema che permette di scoprirlo e di attraversarlo.
I ragazzi dell'associazione “Il Tetto Casal Fattoria onlus”, specializzati nella realizzazione e manutenzione di spazi verdi, hanno dato vita a questo angolo di giardino mediterraneo, progettato dallo Studio Extramoenia di Roma. Il motivo dominante del giardino è una torre di metallo che, come una grande cerniera, attrae a sé tutti gli elementi coinvolgendoli in un generale movimento a spirale.
I materiali messi in campo variano da grezzi e forti come il ferro ed il legno carbonizzato a morbidi ed accomodanti come la vegetazione a fogliame grigio.
La pietra nasce dall'acqua e si struttura in agglomerati ingabbiati che, seguendo la dinamica del vortice, sono organizzati in sedute di diverse dimensioni.
“GIRA Che Ti RIGIRA” è un giardino in cui il caos di un incendio assume le fattezze di spazi ordinati. In questo giardino il visitatore può osservare che, in seguito ad un apparente azzeramento tutto si svela, la vegetazione riappare rapidamente, ricopre il terreno e si ristabilisce il normale equilibrio.
Così come le piante rinascono dopo il passaggio del fuoco, la spirale che segna il percorso principale è un simbolo di vita. La spirale sacra attira energia verso di noi durante il nostro percorso. Questo giardino mira a percorrere la naturale capacità delle piante di autorealizzarsi, una capacità che da sola basta a conferire dignità e bellezza.
Nel giardino, anche in quello più dimenticato, può nascere un’amicizia vera che richiede in cambio attenzione e affetto.

Il Tetto Casal Fattoria Onlus
Associazione volontariato ragazzi in difficoltà
Indirizzo: via Pietro Cuppari 33, 00134 Roma
Referente: Aurelio Valentini
Tel: 06 5059228
iltetto@iltetto.org / www.iltetto.org
Studio Extramoenia
Progettazione di spazi esterni e pianificazione territoriale.
Indirizzo:
Referente: Aurelio Valentini
Tel:
aurelio.valentini@gmail.com / studioextramoenia.com


Sosta,pausa,fermata,intervallo
(Osservatorio contemplativo in Area industriale)

Progetto di Andrea Veglianti in collaborazione con Artestenico Linea Giardini




Linea Giardini
Impianti e manutenzione giardini
Indirizzo: Via dell’incastrino  10,  00040  Ardea  (RM)
Referente: Andrea Veglianti
Cell: 347  0343031
andrea.veglianti@libero.it / www.lineagiardini.it


Il filo d'erba
Progetto di MariaPaola Aleotti per 3Emme Service

L’allestimento per il Festival che proponiamo, vuole mostrare un giardino che sia luogo di incontro, di scambio, di convivio con la famiglia o con amici, che rinnovi il gusto dello stare insieme a dispetto dello stress e della fretta.
Ci si trova a disquisire di argomenti disparati, legati ad interessi condivisi o non conosciuti, come possono essere un libro, un film, un abito, un quadro… momenti dedicati a passioni, ricordi… le frittelle della nonna, la teglia di pasta al ragù cotta nel forno a legna….
E’ così che si scopre la possibilità di avere prodotti dell’orto genuini, di qualità e sapori eccellenti, facilmente producibili anche all’interno di spazi urbani, ritagliando per questa magica produzione piccole porzioni di un terrazzo di città.
Vien da sé che accanto all’orto è facile individuare l’area destinata alla preparazione di cibi, che sia un barbecue o una macchina con i fuochi, dove i profumi di piante aromatiche ci invitano ad uno spuntino mentre spostiamo un geranio in un vaso più capiente.
E scopriamo che abbiamo piacere di rinfrescare le nostre conoscenze, magari ascoltando un amico “esperto” che ci illustra, mentre ce ne stiamo seduti su un bel prato all’ombra di un generoso albero, come avviene l’impollinazione tra specie simili, cosa significa ritornare a mangiare pane ottenuto da grani antichi, o come riuscire a far maturare più tipi di frutto da uno stesso albero…….
Ma ancor di più possiamo tuffarci nel mondo del perfetto giardino all’inglese, studiato fin nei minimi particolari da architetti ed ambientalisti che “sentono” la natura come unica panacea alle difficoltà urbane.
Entrare a contatto con tutto il mondo che può essere racchiuso in uno spazio verde, rappresenta la nostra scommessa di riscoprire quel bel sapore sano, schietto e forse un po’ antico che fa parte della tradizione culturale, legata alla terra ed ai suoi prodotti, al piacere di trascorrere il tempo libero in armonia, riuscendo a rimanere estranei ai miasmi cittadini immergendoci nell’oasi verde che abbiamo organizzato all’interno della nostra casa.
Se poi vogliamo essere veramente al top allora sarà bene fare un passo indietro, ritrovando nei piccoli gesti quotidiani la chiave di lettura per una nuova e salutare avventura senza abbandonare, ovviamente, le certezze tecnologiche acquisite.

Tre Emme
Realizzazione e manutenzione di parchi pubblici e privati
Referente: Leonardo Matteucci
Indirizzo: Via Casilina 462, 00030 San Cesareo (RM)
Tel: 06 9587109 Cell: 335 6375616
infocenter@centerflor.it / www.vivaimatteucci.it


Il Giardino d'Autore

Vivai Esotica
Realizzazione e cura degli spazi verdi
Indirizzo: Via G. Micali 8, 00125 Roma
Referente: Dario Peso
Tel: 06 5650776 
vivai.esotica@libero.it / www.vivaiesotica.it


Bosco Urbano
Progetto di Studio Masa per Vivai Piante Green Service

Il cambiamento climatico rappresenta una delle maggiori sfide che l'umanità dovrà affrontare nei prossimi anni. L'aumento di fenomeni naturali estremi come le alte temperature, la maggiore frequenza degli episodi di siccità e delle alluvioni sono tutti segnali di un cambiamento climatico ormai in atto. I rischi per il pianeta e per le generazioni future sono enormi, e ci obbligano ad intervenire con urgenza. Con questi presupposti nasce il progetto “Bosco Urbano” progetto ideato da MASA Stusio e supportato dai VIVAI PIANTE GREEN SERVICE. La rinaturalizzazione di piccole aree verdi all’interno delle aree urbane sia pubbliche sia private delle nostre città riveste un ruolo veramente significativo, per combattere fenomeni ambientali estremi. Il concetto di bosco urbano realizzabile in qualsiasi contesto residenziale e pubblico rappresenta un contributo importante sia per noi stessi sia per le città nelle quali viviamo. La diversità delle piante e le loro caratteristiche quali esseri viventi in grado di produrre umidità, assorbire CO2 e polveri, produrre ossigeno, proteggere dall’irraggiamento e dal’inquinamento acustico, migliorando il comfort dell’abitare e risparmiando energia e ormai noto.

Vivai Piante Green Service
Progettazione, realizzazione e manutenzione di orti, giardini, parchi e terrazzi
Indirizzo: via Boccea 561, 00166 Roma
Referente: Gianpaolo Altobelli
Tel: 06 61564031
info@altobelligreenservice.com / www.altobelligreenservice.com

MASA STUDIO
sara marinucci emanuele santini architetti 
info@masa.studio.com


Vivai Renzoni Rivergarden
Progettazione e cura del verde
Indirizzo: Via Salaria 1257/c, 00138 Roma
Referente: Francesca Renzoni
Tel: 06 8887308 
info@rivergarden.it / www.rivergarden.it

Vuoi proporre un Giardino applicato? Scrivici »