IX Edizione

Tutti i giardini, i “tappeti” e i balconi del Festival del Verde e del Paesaggio 2018

Tutti i giardini, i “tappeti” e i balconi del Festival del Verde e del Paesaggio 2018

Il Festival del Verde e del Paesaggio – che si è svolto all’Auditorium Parco della Musica di Roma dal 18 al 20 maggio 2018 – si è riconfermato un evento focale per gli appassionati e gli esperti del settore, con un’edizione che è stata premiata in termini di pubblico e critica. Piante, design, soluzioni per l’outdoor, eccellenza del vivaismo e dell’artigianato italiano, questi sono stati i capisaldi della tre-giorni, che – inoltre – ha dato vita a una meravigliosa esposizione di giardini d’autore e a due concorsi di progettazione dedicati ai creativi del verde.

Per opera di architetti, paesaggisti, giardinieri e designer e artigiani, la creatività green ha preso le forme più disparate, accompagnando il pubblico attraverso spazi verdi da cui lasciarsi ispirare.

Con OrtoGiardino – Il giardino delle amiche, ideato e realizzato da Cinzia Stella e Stefania Annucci e vincitore del Festival nella categoria dedicata, il pubblico ha potuto immergersi in un piccolo orto naturale con piantine e fiori spontanei, dimenticati, bordure di iris, lavanda, echinacea, cisto, mirto e origano, assaporando la quiete e la dolcezza di una bellissima storia di amicizia.

Menzione speciale nella categoria, il bel Giardino del ritorno dell’arch. paesaggista Francesco Cecchetti e Luciano Cecchetti, uno spazio verde in cui perdersi e ritrovarsi; un labirinto giocoso ed emozionante dove le piante lasciate a disposizione dei visitatori lo hanno invitato a sperimentare accostamenti e nuovi modi di pensare.

Tra i giardini d’autore in esposizione c’è stato La Soglia, a cura del Master di II livello in progettazione del paesaggio – PdP (Associazione Simonetta Bastelli, Cursa con Uniscape); che ha proposto una rielaborazione dei concetti di entrata e di passaggio, tramite un gioco elegante tra specchi e botanica.

A seguire Tillandsia WALL _ Sinfonia Verde, il bel giardino “che respira” di Michieli Floricoltura, realizzato da Paolo Michieli e dall’arch. Roberta Filippini. Si è trattato di un’installazione in cui le nuvole di Tillandsia – piante appartenenti alla famiglia delle bromeliacee –  si sono mostrate in tutto il loro valore ecologico ed estetico, assorbendo attraverso il loro apparato fogliare parte dei composti organici volativi nell’aria.

Con Happy Garden, il giardino progettato dall’arch. Chiara Sottosanti, i visitatori hanno incontrato un luogo dove trovare pace, ristoro, benessere; grazie alla commistione tra elementi naturali ed arredi, quali lampade, poltrone, mobili, tappeti, che hanno creato tanti piccoli salottini in stile retro- shabby, in cui il pubblico del Festival ha potuto rilassarsi.

Ultimo ma non ultimo, ll giardino dei limoni come luogo dell’anima dell’arch. Virna Mastrangelo / Greenatelier, studio di architettura e paesaggio. Un salto nelle atmosfere della costiera amalfitana, in uno spazio dove il paesaggio si fa giardino e il giardino paesaggio. Un progetto che ha emozionato il pubblico del Festival, grazie all’armonia e integrazione tra l’uomo e la natura del luogo. Ecco a voi una piccola galleria d’immagini dei Giardini d’autore al Festival 2018, seguiti dai progetti dei concorsi dedicati ai giovani designer.

BPYQ6109
IMG_8312
00125-Festival-del-verde-18_05_2018_fdistefano_WEB
00146-Festival-del-verde-18_05_2018_fdistefano_WEB
IMG_8323
IMG_0113
IMG_0116
IMG_0166
IMG_0289
IMG_0295
IMG_0294
IMG_0304
IMG_0300
IMG_0324
IMG_0146
IMG_0325

Balconi per Roma:

Tutto dedicato agli under 30, Balconi per Roma è un concorso di progettazione in cui si selezionano proposte sperimentali, audaci, che rinnovino ed esaltino il concetto di balcone cittadino. I balconi – scelti dalla Commissione per la selezione dei progetti presieduta da Franco Panzini – sono stati esposti in pedana all’ottava edizione del Festival del Verde e del Paesaggio.

Il Premio Balconi per Roma è andato a “Balconopoly: garden edition di Marco Nelli, Davide Mascaro, Daniele Pisegna; ma la giuria del concorso del Festival ha tenuto a dare una menzione speciale a tutti i progettisti per la capacità dimostrata di stimolare l’interazione con il pubblico.

Il gioco, la musica, la poesia, ma anche gli origami, le attività che i giovani creativi hanno portato avanti per l’intera durata della manifestazione, si sono rivelate preziose per far sì che il pubblico si avvicinasse con curiosità ed interesse alle originali installazioni. Una galleria d’immagini per ringraziare i progettisti, mettendo in mostra le loro idee rivoluzionarie di balcone in città.

00962-Festival-del-verde-19_05_2018_fdistefano_WEB
00964-Festival-del-verde-19_05_2018_fdistefano_WEB
IMG_8437
IMG_8441
IMG_8440
IMG_8439
IMG_8443
IMG_8445
IMG_8447
IMG_8452
IMG_8451
IMG_8458
IMG_8450
IMG_8457
IMG_8454
IMG_8456
IMG_8453
IMG_8461
IMG_8463
IMG_8459
IMG_8460
IMG_8486
IMG_8481
IMG_8466

Avventure creative:

Il Concorso di progettazione per l’allestimento di giardini temporanei che è ormai un appuntamento d’eccezione al Festival del Verde e del Paesaggio. Il tema dell’edizione 2018 è stato Carpet Garden, ovvero le relazioni fantastiche nel binomio giardino-tappeto. Quattro progetti sono stati selezionati ed esposti al Festival, accompagnati dall’intelligenza e dalla capacità d’interagire con il pubblico dei progettisti.

Il concorso è stato vinto da RACCONTAMI UNA STORIA. GIARDINO IN BOTTIGLIA di Ilaria Gnesivo e Davide Rosso, una bellissima installazione in cui – innestata in un tappeto di bottiglie di plastica – trovava sede una piccola grande selezione botanica. Un giardino ecologico, replicabile, in cui la creatività va di pari passo con il recupero dei materiali. C’è stato inoltre SPRING CARPET di Leonardo Marzotti e Serena Righetti, l’Avventura creativa che ha divertito i bambini, facendoli saltare tra fiori e natura; e che ha meritato una menzione speciale nelle premiazioni del concorso proprio per la capacità di stimolare l’interesse del pubblico.

Terza Avventura in esposizione, TRAMANDO L’EQUILIBRIO – di Jennifer Paoletti, Francesca Romana Audisio ed Eleonora Imperi – ha accolto i visitatori in una fitta rete di fili, sfere, ruote di bicicletta, piante; elementi semplici con cui le progettiste hanno saputo creare un’armonia rara e delicata. La quarta Avventura era SOTTOSUOLO, un progetto derivante dal corso Urban Design della NABA, per opera di Vito Salamone, l’Arch. Gianmaria Sforza Fogliani (tutor) ed Enrica Panfili, Omar Radi, Letizia Tonello, Mariacristina Tota, Vanessa Vanoncini, Alessandra Zanzottera. Con Sottosuolo i visitatori hanno potuto approcciarsi al mondo del sotterraneo, tramite una serie di lenti pensili, mezzo e tramite di un viaggio esplicativo ed elegante.

Ecco le immagini delle Avventure Creative 2018, noi vi diamo appuntamento al prossimo Festival per nuovi giardini, nuove installazioni, nuovi concorsi, nuove interpretazioni del verde urbano.

IMG_0286
IMG_0287
IMG_0288
IMG_0283
IMG_0281
IMG_0280
IMG_0273
IMG_0274
IMG_0275
IMG_0276
IMG_0277
IMG_0278
IMG_0272
IMG_0249
IMG_0240
IMG_0236
IMG_0234
IMG_0233
IMG_0238
IMG_0239
DSC_1206
IMG_8272
DSC_1201
DSC_1191
DSC_1159
DSC_1196
DSC_1194
DSC_1161
 
Commenti

Non è presente alcun commento