X Edizione

Animali per giardini acquatici “in tinozza”: i consigli degli esperti

Animali per giardini acquatici “in tinozza”: i consigli degli esperti

Di recente abbiamo parlato di come creare un mini giardino acquatico in tinozza, una soluzione perfetta per arricchire giardini e terrazzi di dimensioni contenute. Oggi guardiamo ai piccoli animali da potervi inserire e proponiamo un elenco di splendidi esemplari che, grazie alle loro piccole fattezze, sono adatti a qualsiasi progetto; il tutto grazie ai consigli preziosi dei produttori del vivaio specializzato in piante acquatiche Eta Beta, che sarà espositore all’edizione 2018 del Festival del Verde e del Paesaggio.

La fauna nel mini-laghetto

Ricordiamo che, prima di immettere eventuali pesci in un giardino acquatico appena creato, si devono attendere almeno una decina di giorni per permettere alla fauna batterica di svilupparsi ed iniziare tutti quei processi biologici di decomposizione dei prodotti di rifiuto dei pesci in sali minerali. Ecco le proposte dei vivaisti Eta Beta per “animare” il giardino acquatico.

“Carassius auratus” – Non smuovono il fondo e non sradicano le piante. Vivono in gruppi e si nutrono di tutto quello che trovano in giro. I “Cometa” e i “Sarasa” sono delle selezioni del pesce rosso con corpo bianco e rosso e pinne posteriori che possono diventare lunghe quanto il corpo stesso.

“Carassius auratus Shubunkin” – E’ uno dei ciprinidi più interessanti per il laghetto; le sue scaglie sono traslucide e multicolori.

 

“Gambusia affinis” – E’ un grazioso pesciolino di origine americana. Importato in Italia nel 1920 per bonificare le paludi dove proliferavano le “Anopheles”, zanzare portatrici di malaria, si è poi diffuso in tutta la penisola adattandosi perfettamente a vivere nei nostri climi. Gran divoratore di larve di zanzara viene sempre più spesso usato nella lotta biologica contro questi fastidiosissimi insetti. E’ un pesce ovoviviparo, cioè la schiusa delle uova è interna e gli avannotti vengono partoriti completamente formati e autosufficienti.

“Anodonta cygnea” – Un mollusco bivalve estremamente utile, chiamato anche “cozza d’acqua dolce”. Filtra l’acqua e la depura e si nutre di tutte le sostanze che la intorbidiscono, comprese le microalghe verdi.

“Planorbis corneus” – Una lumaca gasteropode molto bella, con forma perfettamente spiralata e curiosamente piatta; questo gasteropode è un buon indicatore di buona qualità dell’acqua. E’ sensibile ad inquinamenti organici troppo elevati che si possono verificare o con troppi pesci o con poche piante.

 
Commenti

Non è presente alcun commento