Come coltivare i pelargoni

22 marzo 2013  |  a cura di: L'Antico Fiore  |  Botanica  

I Pelargoni sono piante di semplice coltivazione, prosperano sia al sole cha all’ombra, hanno bisogno di pochissime cure, e donano splendide fioriture dall’inizio della primavera fino all’autunno.

Per lo più vengono coltivati in vasi, anche se alcune varietà sono adatte anche per la coltivazione in piena terra come i pelargoni a foglia profumata. Il rinvaso va fatto al momento dell’acquisto delle piante, con vasi di un paio di misure più grandi. Il terriccio deve essere possibilmente specifico per i gerani o pelargoni, ma anche quello universale può andar bene, miscelato con 3 parti di terriccio, 2 parti di torba, ed 1 di sabbia, ed anche un pochino di stallatico (concime organico).

In primavera, si consiglia di smuovere il terriccio in superficie per poterlo aerare e far penetrare più facilmente le innaffiature, quindi concimare di nuovo con un pochino di stallatico.  La maggior parte dei pelargoni sono piante originari del Sud Africa quindi non hanno bisogno di molte innaffiature, ma solo quando il terreno risulta asciutto.

Spesso marciscono se ristagna l’acqua nel sottovaso, quindi bisogna fare attenzione a questo inconveniente.

D’inverno vanno riparati dalle piogge, sotto le tettoie o nei porticati, ed innaffiati sempre meno per poter superare la stagione fredda. Se non ci sono queste possibilità si possono coprire con il tessuto non tessuto. La pulizia delle foglie secche e delle fioriture finite stimola la pianta a rigenerare nuove foglie e nuovi fiori.

  

  

L'Antico Fiore di Tiziana Meluzzi

Via V° Stradone Sandalo di Levante S.n.c. NETTUNO (RM) 

Tel. 06 9890266 
Cell.: 328 3834957 – 347 1558158

lanticofiore@email.it  
www.lanticofiore.com