IX Edizione

Il giardino verticale più grande d’Italia è a Milano, sulla parete di un Centro commerciale

Il giardino verticale più grande d’Italia è a Milano, sulla parete di un Centro commerciale
giardino verticale

Il giardino verticale del centro commerciale Fiordaliso è la parete verde più grande d’Italia, con una superficie di 1262 metri quadri, su cui sono innestate ben 44mila piante. Inaugurata nel 2010, l’opera si compone di 200 specie vegetali, tra sempreverdi e fioriture che creano aree dai colori del rosso, bianco, rosa, giallo e blu. Della progettazione – in quanto a ideazione, scelta e disposizione del verde – ha il merito l’architetto Francesco Bollani che – in collaborazione con uno studio di architettura di Montpellier e con la ditta Peverelli – ha posto in essere l’imponente muro vegetale. 

Il sistema utilizzato per “incastonare” il verde nella parete è una serie di 11mila cassette metalliche che, innestate nel muro, favoriscono il buon sostegno delle piante e una discreta facilità manutentiva. Come confermato da Bollani, questi aspetti ideativi hanno preso le mosse dall’osservazione delle opere di Patrick Blanc, di cui – in un primo momento – il team voleva riprendere il sistema “a tasche” usato nella sua opera al Café Trussardi.

Ma era un meccanismo che “non si adattava al nostro caso – ha rivelato l’architetto – abbiamo dunque optato per le 11mila cassette e, per far crescere al meglio le piante in una posizione verticale, abbiamo utilizzato lo sfagno cileno, una fibra che non marcisce anche se a contatto continuo con l’acqua“. Il successo e la sorpresa per l’aspetto dimensionale dell’opera sono stati celebrati anche nel 2012, anno in cui la parete verde ha conquistato il Guinness World Record, sottraendo il titolo al giardino verticale di Madrid, esteso per 844,05 metri quadrati.

Oltre che per le sue dimensioni, però, è bene sottolineare che la creazione della parete verticale ha un valore rivoluzionario – in campo architettonico e botanico – perché racchiude in sé una forte natura ecosostenibile, contribuendo al bilanciamento termico del centro commerciale. Proteggendolo e riparandolo dai raggi solari, infatti, diminuisce il consumo energetico relativo ai sistemi di condizionamento dell’aria; il giardino verticale, inoltre, trattiene le polveri sottili, assorbe CO2 e riduce i rumori prodotti nell’ambiente circostante.

 
Commenti

Non è presente alcun commento