IX Edizione

In vacanza con le cacciatrici di paesaggi

In vacanza con le cacciatrici di paesaggi

Si sa, scegliere dove andare in vacanza non è mai cosa semplice e se siete ancora in dubbio ci piacerebbe suggerirvi un viaggio molto speciale con due guide molto speciali … alla scoperta dei luoghi scelti dai grandi pittori del Rinascimento quali fondali per le loro opere accomapagnati da cacciatrici di paesaggi. 

Avete capito bene! una pittrice e fotografa di paesaggi, Rosetta Borchia, insieme ad un Professore Associato in Geografia Fisica e Geomorfologia presso la Facoltá di Scienze e Tecnologie dell’Universitá degli Studi di Urbino, Olivia Nesci, vi condurranno dentro le suggestive vedute di Piero della Francesca, tra le colline di Montefeltro.

Il loro sito, Montefeltro, Vedute rinascimentali, propone diversi percorsi, tutti unici e affascinanti: un viaggio alla scoperta della dinastia dei Montefeltro incontrando il maestro Piero della Francesca, a caccia e a pesca con i duchi visitando la corte di Urbania e le eccellenze artistiche del Rinascimento, un trekking culturale in Alta Valmarecchia alla scoperta dei più bei paesaggi di Piero della Francesca.

La storia di questo progetto è coinvolgente come le pagine del libro in cui viene narrata,  Il Paesaggio invisibile. La scoperta dei veri paesaggi di Piero della Francesca.

“Tutto ha inizio – scrivono le due cacciatrici – da un casuale ingrandimento fotografico che rivela una singolare somiglianza tra i paesaggi di Montefeltro e quelli dpinti da Piero della Francesca nei Dittici dei duchi conservati agli Uffizi, considerati da molti e per molti anni, paesaggi ideali. ” Da lì parte una rocambolesca e faticosa avventura tra le rupi, le colline, gli specchi d’acqua, alla ricerca di quel punto d’osservazione dal quale il maestro può aver dipinto le sue vedute.

Se amate le spy stories, laghi scomparsi e paesaggi invisibili, avete quindi due possibilità: lasciarvi conquistare dai racconti del loro diario intellettuale o armarvi di macchina fotografica e andare a caccia di sfondi.

E se decideste di partire, potrete raccontare agli amici di aver fatto “landscape busting”.

 

 

 

 

 

 
Commenti

Non è presente alcun commento