X Edizione

Piante da interno alla riscossa. Ecco il primo corso a loro dedicato.

Piante da interno alla riscossa. Ecco il primo corso a loro dedicato.

Spesso la prima volta accade in quelle giornate senza fine passate a cercare oggetti insignificanti tra gli spazi affollati dei grandi magazzini dedicati al fai date.
Non gli si dà una particolare importanza, perché nel carrello insieme a cuscini e candele, sembra solo un altro oggetto per la casa.
Ma un gesto inconsapevole segnerà l’inizio di una dipendenza dalla quale sarà molto difficile, a volte impossibile, guarire: le piante da interno.
Si comincia per gioco o per divertimento, spesso scegliendo piante con le quali si ha maggiore confidenza. Chi non ricorda i pothos penzolanti dalle librerie della nonna o le grandi foglie a forma di mano della monstera deliciosa spuntare da qualche angolo del salotto insieme alla fronda prepotente del ficus?
Poi diventa una scelta consapevole.

Le piante da interno sono un mondo strano e curioso, tutto da scoprire. Agli amanti dell’esotico e del tropicale non sfuggiranno sicuramente, le foglie audaci e i fiori esuberanti della Medinilla e della Gloriosa o le lingue rosse fiammanti della Bromelia. I design-dipendenti apprezzeranno l’eleganza sobria e le forme architettoniche dei cactus e delle piante succulente. Gli assediati dalle polveri sottili, potranno chiamare in aiuto l’esercito delle piante purificatrici – Scindapsus aureus, Crassula portulacea, felci, dracene –  capaci di far sparire le tossine  nel minor tempo possibile.
Una volta che ci si è lasciati convincere dalla facilità di manutenzione, dal potere terapeutico, dalla necessità estetica e fisica, le piante colonizzeranno i nostri spazi diventando parte non solo delle nostre case, ma anche delle nostre vite.
Ci sentiremo un po’ tutti genitore di un aloe e miglior amico di una Calatea. A loro augureremo di trascorre una serena nottata, con loro ci confideremo nei momenti difficili e per loro sceglieremo il miglior “plant sitter” del quartiere quando partiremo per le vacanze estive. Diventeranno i protagonisti dei nostri migliori scatti su instagram e delle nostre conversazioni su community di appassionati.
Questi strani e colorati esseri viventi, saranno in grado di trasformare i pollici neri in verdi e i pollici digitali in vegetali e si prenderanno cura del nostro benessere fisico ed emotivi. Ci renderanno felici.

E a noi del Festival piacerebbe presentervale da vicino,Kenzia, Filodendro, Ficus, Fittonia e tutte le altre amiche del club delle piante da interno.
Vorremmo guidarvi in questo magico universo con un corso di 4 lezioni: 22 – 29 gennaio e 5-12 febbraio.
Vi racconteremo la loro storia – provenienza, principali famiglie di appartenenza, nozioni sulla botanica sistematica – vi spiegheremo di cosa hanno bisogno – umidità, terreno, contenitori, innaffiatura, luce, ombra – e di come vanno coltivate – come invasare, utilizzare le luci artificiali, potare e concimare, coltivare in idroponica o forzare i bulbi – e vi faremo scoprire cosa si prova ad entrare in una casa disegnata da Madre Natura, attraverso composizioni di vasi, associazioni tra oggetti d’arredo e piante, composizioni di piante in uno stesso contenitore, pareti vegetali e piante ricadenti.
Vi aspettiamo!

→ Scarica il programma del Corso

A
B
C
E
F
O
N
M
L
I
H
G
 
Commenti

Non è presente alcun commento