X Edizione

Architettura e design: Plettri e Convivio di Franco Zagari

Franco Zagari e Benedetto Selleri presentano due progetti per Roberto Domiziani, Deruta (Perugia).
La Domiziani opera a livello internazionale dal 1987, vantando circa 30 anni di esperienza nel settore dell’arredamento da esterno e interno.
Qui in particolare sperimenta la resistenza e la versatilità di materiali sofisticati, quali pietra lavica, molto sottile, permettendo di associare alla bellezza del decoro la funzionalità del prodotto, grazie ad elevate caratteristiche tecniche.

PLETTRO
Un progetto di Franco Zagari e PAN Associati

Nell’ambito del progetto esecutivo di landscape di Expo Milano 2015, eseguito per Metropolitana Milanese, abbiamo realizzato dei giardini denominati Hortus, per il riposo del pubblico, con frutteti e orti, dove i visitatori potessero trovare sedute e ombra. In questa occasione abbiamo pensato di offrire anche dei motivi inattesi di interesse con una serie di arredi che fossero un punto di visita in sé, sempre nello spirito del tema generale dell’Expo “Nutrire il pianeta Energia per la vita”. Grazie a un prezioso suggerimento di Paola Capone, abbiamo tratto ispirazione da Circa Insans, trattato salernitano delle erbe e dei semplici del 1280-1310, per disegnare ben 256 tavolini diversi, ognuno dedicato ad una pianta, adottando sette forme curve, denominate Plettri. Queste curve sono create ognuna da sei archi di cerchio sempre diversi, posti in tangenza, sequenze quindi di una geometria euclidea che però assume, grazie alla sua continua varietà, l’energia di forme originali e dinamiche. Di questi tavolini ne sono stati realizzati 21 in laminato plastico serigrafato e 73 in alluminio stampato.

plettri
© Franco Zagari

Oggi torniamo sul tema adottando una tecnologia di assoluta avanguardia che ci è offerta da una collaborazione con Domiziani, e proponiamo delle serie di tavolini di comfort, adatti per arredi di spazi sia interni che esterni, di tre diverse altezze, resistenti alla luce e alle intemperie, pare per oltre 10.000 anni. I tavolini saranno prodotti in serie di sette pezzi diversi, uno per forma, ogni esemplare timbrato e numerato in un massimo di dieci multipli. Le altezze sono adatte per ogni funzione conviviale, dal salotto al terrazzo (34 – 54 – 74 cm). Ogni tavolino è sorretto da tre gambe cilindriche rastremate alla base a tronco di cono color cobalto.

La prima serie è composta da:

A1 Symphytum officinale (Consolida maggiore)

B1 Oniganum majorana (Origano)

C1 Cydonia oblonga  (Melo cotogno)

D1 Papaver rubeum (Papavero)

E1 Rubus fructicosus (Rovo)

F1 Punica granatum (Melograno)

G1 Meum athamanticum (Finocchiello)

CONVIVIO
Progetto di Franco Zagari

Un tavolo adatto agli usi più diversi, ideale per un convivio di otto persone. Una lastra di pietra lavica smaltata a tinte molto vivaci evoca sui quattro punti cardinali gli elementi cosmogonici attraverso la grafia della loro stessa scrittura, acqua, scritto in arabo, terra, in giapponese, aria, in francese, fuoco in spagnolo. Questa suggestione, come se ci trovassimo in un giardino, è un pretesto per ritrovare orientamento e centralità, attorno a una mensa o ad un tavolo di lavoro.  Il tavolo è una lastra di pietra lavica sottile (0,6 mm) il cui motivo è un’elaborazione astratta a colori vivaci di un campo di tulipani. La lastra è montata su un telaio di acciaio, che è sostenuto da quattro gambe, due blu e due rosse (RAL 5000 e 3001).

convivio_cosmogonico
© Franco Zagari