Sono state stanziate le risorse economiche per i parchi e le aree marine protette della Sardegna: si tratta per l’esattezza di 10,5 milioni di euro per Porto Conte, Gutturu Mannu, Molentargius, Tepilora  e le aree marine di Capo Carbonara, Capo Caccia, Asinara, Sinis, Tavolara.

Il finanziamento proviene dal POR FESR 2014-2020, il Programma Operativo Regionale Fondo Europeo che, in linea con gli obiettivi strategici comunitari per lo sviluppo regionale della Sardegna, “mira a consolidare la coesione economica e sociale regionale investendo nei settori che favoriscono la crescita al fine di migliorare la competitività e creare posti di lavoro”. Le aree sopra citate, dunque, beneficeranno di una maggiore tutela a livello paesaggistico-territoriale, ma anche della creazione di nuove strutture funzionali allo sviluppo di attività, iniziative, luoghi di incontro per la cittadinanza e per i turisti.

«In questi anni la Giunta ha avuto grande attenzione per i parchi e le aree marine protette – ha commentato l’assessora della Difesa dell’Ambiente, Donatella Spano – e anche con la finanziaria 2017 il Consiglio regionale ha accolto le nostre proposte di finanziamento, garantendo, oltre a quanto già previsto per il loro funzionamento, risorse pluriennali in aumento per il settore. Abbiamo messo nelle linee di intervento tutte le risorse: è un punto d’orgoglio essere riusciti a confermare questi finanziamenti, perché siamo tra le Regioni d’Italia che stanziano tanto per i parchi».

 

 

Segui il Festival del Verde e del Paesaggio 2017 

– 19, 20 e 21 maggio all’Auditorium Parco della Musica –