X Edizione

Ammirando la Tillandsia, la splendida pianta che può vivere solo d’aria

Ammirando la Tillandsia, la splendida pianta che può vivere solo d’aria

Le possibilità di adattamento che la natura offre sono innumerevoli e certe creature sanno sfruttarle nei modi più inconsueti. Tra le modalità di sussistenza più lontane da ciò che di abitudine si ritiene la norma, le Tillandsie ne hanno scelto una che potrebbe persino apparire fantastica: si nutrono di aria. Queste belle piante della famiglia delle Bromeliacee disdegnano la terra e scelgono di vivere liberamente dove capita, sui rami degli alberi, sui fili della luce, sulle rocce o sui muri e le ringhiere delle case. 

Così descrivono le Tillandsie, i produttori de “Le figlie del Vento“, vivaio specializzato che sarà espositore all’edizione 2018 del Festival del Verde e del Paesaggio. Appartenenti alla famiglia delle Bromeliacee e diffuse, con oltre 500 specie, in una vasta area che va dal sud degli Stati Uniti fino alla Patagonia – quindi nelle zone tropicali e subtropicali del continente americano – le Tillandsie devono il loro nome al botanico svedese E. Tillands, ma sono anche conosciute come “figlie del vento” per la loro meravigliosa capacità di adattamento e il loro non essere radicate al terreno.

Il nutrimento delle Tillandsie

La Tillandsia è un’epifita, dunque, in grado di nutrirsi d’aria e, in modo più preciso, utilizzando le lunghe foglie, per lo più riunite in rosette. Proprio sulle foglie, infatti, si trovano i tricomi, squame argentee capaci di assorbire l’acqua e i sali minerali presenti nell’aria, facendoli passare nei tessuti interni dove avviene la fotosintesi. Un’altra fonte di nutrimento è costituita dalle colonie di batteri azotofissatori. Questi microrganismi trascorrono l’intero ciclo vitale sulle foglie garantendo alle Tillandsie una parte importante delle sostanze organiche azotate di cui abbisognano.

Le Tillandsie e l’inquinamento

Le infiorescenze portano piccoli fiori, ciascuno accompagnato da una brattea. I frutti sono invece capsule oblunghe o lineari a tre valve, contenenti semi alati. Un’altra caratteristica sorprendente delle Tillandsie è il loro essere immuni all’inquinamento terrestre. Questo fa sì che possano ricoprire la funzione di biorivelatore di inquinanti atmosferici. “Per un futuro non lontano – informano i produttori de “Le figlie del Vento” – si possono immaginare grandi pannelli ricoperti di Tillandsie da sistemare nei punti dove più intenso sia il traffico. Siffatti pannelli sarebbero auspicabili perché oltre a fornire ragguagli sullo stato dell’aria potrebbero ripulirla e creare negli affannati viaggiatori la rilassante illusione di trovarsi, anziché in mezzo al caos cittadino, in qualche incontaminata regione delle foreste sudamericane”.

 

 
Commenti

Non è presente alcun commento