IX Edizione

Zona incontri

Venerdì 10 maggio

11.00
Inaugurazione IX Festival del Verde e del Paesaggio

Presidente II Municipio Francesca Del Bello

Presidente Musica per Roma Aurelio Regina

AD Musica per Roma Josè Irigoyen Dosal

Gaia F. Zadra Festival del Verde e del Paesaggio

BREATHE – RESPIRO è il tema della IX edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, ideato e organizzato da Altri Paesaggi in collaborazione con Fondazione Musica per Roma.

Respirare, l’azione meccanica e inconsapevole cui affidiamo la sopravvivenza, è il filo conduttore del Festival, e gli alberi e le piante – per il loro ruolo fondamentale nella vita dell’uomo – ne sono i protagonisti. A loro si sono ispirate le installazioni paesaggistiche di quest’anno, in particolare Airship.03 – Fontana d’aria firmata dal collettivo breathe.earth.collective in collaborazione con Austria Turismo; il Teatro della conoscenza, l’allestimento firmato dall’Ordine degli Agronomi che da il benvenuto a tutti i visitatori, Prateria urbana l’installazione permanente ideata per l’Auditorium ed infine Avventure creative e Balconi per Roma, i due concorsi promossi dal Festival che rappresentano visivamente il luogo in cui questa complessa e affascinante simbiosi di respiri reciproci, si manifesta.

Introduce e modera

Franco Panzini (arch. Paesaggista – Presidente concorso Balconi per Roma)

Intervengono

Francesca Del Bello Presidente II Municipio

Sabrina Diamanti – Presidente del consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali

Flavio Trinca – Delegato Ordine Architetti Roma per le tematiche del paesaggio

Paolo Picchi – Presidente Aiapp LAMS (Associazione italiana architettura del paesaggio sez. Lazio Abruzzo Molise Sardegna)

Annalisa Metta ricercatore a tempo indeterminato in Architettura del Paesaggio per l’Università Roma Tre – presidente concorso Avventure creative

Breathe.earth.collective creativi, architetti, paesaggisti, designer, tecnici e artisti autori di Airship, – installazione paesaggistica dell’Ente Nazionale Austriaco per il Turismo

Sono inoltre presenti i vincitori dei concorsi Avventure creative e Balconi per Roma

14.30 -18.00
Verde e Paesaggio Urbano nel nuovo regolamento di Roma Capitale

In collaborazione con Festival del Verde e del Paesaggio, I.R.Vi.T. – Istituto Regionale per le Ville Tuscolane e ARPEG – Regione Lazio. Convegno con Crediti Formativi. L’ iscrizione avviene sul sito dell’Ordine degli architetti di Roma e provincia.

Scarica la locandina

A gennaio è stato approvato in Giunta il primo Regolamento del Verde e del Paesaggio Urbano di Roma Capitale, frutto di un intenso lavoro partecipato e condiviso con associazioni e addetti ai lavori. 67 articoli suddivisi in 5 capitoli per definire principi, criteri e norme per la cura, lo sviluppo e la manutenzione dell’immenso patrimonio verde della città, pubblico e privato.
Il convegno vuole essere un momento di aggiornamento professionale offrendo una panoramica sui temi proposti da questo nuovo strumento fondamentale di programmazione e gestione, di indirizzo per la tutela, la valorizzazione e la cura del patrimonio naturale e paesaggistico della città.

Coordinatore scientifico: Arch. Flavio Trinca
Tutor: Arch. Nives Barranca 

Presentazione del Regolamento del verde di Roma Capitale

La genesi e le caratteristiche del Regolamento attraverso le testimonianze di chi ha partecipato alla sua stesura

Il Regolamento ha avuto origine dalla collaborazione tra l’Amministrazione comunale, esperti indicati dagli Ordini professionali e rappresentanti delle associazioni dei cittadini. Il risultato è stato un Documento tecnico molto dettagliato e integrato da una serie di allegati tecnici. Gli aspetti più importanti sono che il Regolamento verrà costantemente aggiornato attraverso il lavoro di un Tavolo Tecnico e che costituisce la premessa per la redazione di un “Piano del Verde”

Caratteristiche del Regolamento Dott. Agr. Sara Sacerdote, Ordine degli Agronomi e Forestali di Roma

Conclusioni Arch. Bruno Filippo Lapadula, Responsabile scientifico ARPEG

Dal Regolamento alle Norme di Attuazione del Piano del Verde

Attuazione del regolamento attraverso il coinvolgimento dei cittadini con “i saperi esperti”

In linea con le tendenze politiche internazionali ed europee in materia di sviluppo sostenibile e di conservazione della biodiversità, l’Italia si è dotata nel 2013 di una legge apposita in materia di verde pubblico (si tratta della legge 14 gennaio 2013, n. 10, intitolata Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani). L’obiettivo, condiviso con la rappresentanza istituzionale delle amministrazioni comunali, è quello di corrispondere all’esigenza diffusa di disporre di indirizzi tecnici omogenei sul territorio nazionale a supporto delle politiche di governo del ricco e biodiverso patrimonio verde delle nostre città. Occorre mettere a punto, dunque, strumenti conoscitivi e decisionali capaci di rispondere in maniera efficace ed efficiente alle sollecitazioni poste dalle aree urbane in epoca di forti cambiamenti, non solo ambientali, ma anche sociali ed economici.

Dott. Andrea Salustri, La Sapienza Università di Roma

Verde urbano, gestione e partecipazione

Un’ampia parte del testo del Nuovo Regolamento è dedicata agli strumenti di partecipazione del cittadino alla cura del verde.
Tali strumenti di partecipazione e condivisione che, non ancora perfettamente maturati nella nostra cultura, possono altresì rappresentare opportunità di nuovi ruoli e specificità professionali.

Dott. Raffaella Siano, AIAPP-LAMS

Conservazione e restauro di parchi e giardini storici

Il Parco storico è un insieme unico ed irripetibile di elementi diversi strettamente correlati tra di loro (edifici e manufatti di arredo scenografico e monumentale, essenze arboree, floreali e vegetali, ecc.). Dobbiamo quindi considerare come oggetto dell’intervento conservativo il tessuto connettivo di tali componenti, coordinando i diversi livelli di fruizione ed armonizzandoli con la natura estetica del luogo. L’obiettivo è quello di ottenere il funzionamento complessivo del “Sistema parco storico”, tutelandone contemporaneamente la qualità . Per affrontare la complessa gestione del patrimonio del Verde urbano storico è dunque indispensabile, in primo luogo, risolvere la relazione esistente tra il valore storico – artistico ed il suo utilizzo pubblico. Per questo è necessario concepire la conservazione del verde storico a partire da un progetto che tenga conto innanzitutto della sua evoluzione storica, in modo che, la fase successiva dell’intervento di restauro (quella operativa degli interventi strutturali) si svolga in un contesto caratterizzato dall’ integrazione tra passato e presente.

Arch. Claudio Giovannozzi, OAR/AIAPP LAMS

Sabato 11 maggio

10.00 -13.30
Verde e Paesaggio Urbano

In collaborazione con Festival del Verde e del Paesaggio, I.R.Vi.T. – Istituto Regionale per le Ville Tuscolane e ARPEG – Regione Lazio. Convegno con Crediti Formativi. L’ iscrizione avviene sul sito dell’Ordine degli architetti di Roma e provincia.

Scarica la locandina

Il convegno vuole essere un momento di aggiornamento professionale atto a proporre temi di riflessione che possano suggerire linee di analisi sviluppo del successivo Piano del Verde, prossimo strumento da approntare da parte dell’ Amministrazione Capitolina a seguito dell’approvazione del Regolamento del Verde, oggetto del precedente incontro di che ne ha illustrato caratteristiche e peculiarità.

Inoltre, avendo l’Amministrazione Comunale recentemente promosso un “Tavolo sugli Stati Generali del Verde Urbano”, il convegno vuole anche proporre  una riflessione strutturale e propositiva sul verde cittadino, nelle sue relazioni con il contesto territoriale e sulle possibilità di sviluppo del progetto di paesaggio quale elemento di strutturazione e configurazione urbana.

Coordinatore scientifico: Arch. Flavio Trinca
Tutor: Arch. Nives Barranca 

Verde ed Alberi in città: il complesso sistema del paesaggio urbano

Partendo dalle innumerevoli declinazioni del concetto di “natura urbana”, si vuole proporre un ragionamento teorico-pratico conduce all’individuazione di approcci strategici per la città del futuro, intesa come insieme simbiotico di Architettura e Natura.

Si tratta di interpretare la città come un sistema vivente, all’interno del quale gli elementi vegetali diventano parte del paesaggio urbano contemporaneo e futuro.

Occorre proporre un approccio dinamico e processuale, organico e multiscalare, capace di determinare scambi reciproci tra la scala dell’architettura, della città e del suo territorio.

Si propone quindi una riflessione sull’evoluzione del rapporto tra architettura e natura, dall’edificio alla città, dallo spazio pubblico, alle infrastrutture ed ai quartieri intesi quali possibili luoghi di sperimentazione e rigenerazione del paesaggio urbano.

Arch. Emanuele Von Normann, OAR/AIAPP-LAMS

Viale Parco, Cosenza: asse strutturante del sistema urbano

l nuovo “Viale Parco” secondo le prescrizioni del Piano Regolatore vigente si è sviluppato sul tracciato dell’ex rilevato ferroviario e si configura quale elemento di forte interconnessione tra il centro antico e tutte le zone di espansione a nord fino al territorio di Rende per una lunghezza di circa 3,5 Km. e per un’ampiezza variabile tra i 39 e i 63 ml. Si qualifica per essere l’asse strutturante ed organizzativo dei sistemi residenziali direzionali e delle attrezzature per i servizi per il commercio e per il tempo libero della nuova Cosenza; supporto strategico allo sviluppo economico e sociale insieme di luoghi riconoscibili di attrazione di incontro di scambio e di svago.

Prof. Riccardo Wallach

Progettazione multisciplinare dalla scelta delle specie alla loro messa a dimora

La scelta delle specie arboree, sia che si tratti di nuovi impianti che di sostituzione i alberi tagliati o caduti, e un lavoro complesso che coinvolge considerazioni di carattere botanico, ecosistemico, tecnico, urbanistico ed estetico, si configura quindi come un’attività multidisciplinare. Considerazioni altrettanto comple4sse debbono essere svolte anche nelle modalità della rimozione dei ceppi, nella bonifica e preparazione del terreno e, infine, nella messa a dimora vera e propria.

Dott. Agr. Franco Milito (Ordine Dottori Agronomi e Forestali Roma)
Dott. Agr. Andrea Santacroce (Ordine Dottori Agronomi e Forestali Roma)

Prateria urbana & co.: ecotono n. 0

L’AIAPP, Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio, attraverso la sua sezione locale LAMS (Lazio, Abruzzo, Molise e Sardegna), propone una riflessione sul tema del verde urbano, della sua gestione e manutenzione in ambito cittadino, attraverso una realizzazione “site specific” nei giardini del Parco della Musica in occasione del Festival del Verde e del Paesaggio 2019.

Il progetto nasce nell’ambito delle giornate del Festival del Verde e del Paesaggio nei giardini dell’Auditorium, quale momento di prototipazione di un laboratorio verde dove Il concetto classico di prateria si fonde con i caratteri vegetazionali tipici dei nuovi paesaggi metropolitani.

L’intento è quello di creare una unità di studio di piantagioni urbane, realizzando un prototipo di ecotono metropolitano, un nuovo spazio verde di transizione capace di rigenerarsi e espandersi spontaneamente.

Matrice ibrida del disegno è una cellula verde spontanea, già esistente nell’area, resiliente, capace di sostenersi, rigenerarsi e espandersi che è il riferimento su cui è stato disegnato un nuovo spazio verde di transizione, popolato da piante capaci di sopravvivere anche con poca manutenzione e con poca irrigazione nei mesi estivi.

Altro obiettivo del progetto è quello di spostare il margine, consentendo al verde di riconquistare un ruolo primario nelle nostre città, nonché favorire una connessione tra l’auditorium e il quartiere.

Arch. Rossella Ongaretto,  AIAPP/LAMS

Dibattito e conclusioni

15.00-17.30
Pomeriggio con l’agronomo: incontro pubblico a cura dell’Ordine Dottori Agronomi e Forestali Roma

In collaborazione con Festival del Verde e del Paesaggio, I.R.Vi.T. – Istituto Regionale per le Ville Tuscolane e ARPEG – Regione Lazio.

Coordinatore scientifico: Dott. Agr. Paolo Ghini (Ordine Dottori Agronomi e Forestali Roma)

L’incontro vuole proporre un momento di confronto con i visitatori del Festival per un approccio professionale alla progettazione, alla gestione e alla fruizione del verde urbano sia esso privato (giardini, verde condominiale, ecc.), sia esso pubblico (parchi, giardini, viali alberati, ecc.). Il tutto si svolgerà in uno spazio in cui il pubblico potrà interagire con i diversi tecnici con domande e casi pratici.

Un dialogo semplice e sorprendente per sfatare miti e leggende, riflettere sulle scelte progettuali migliori e scoprire tutto quello che non sapete su: potatura, concimazione e lotta ai parassiti, stabilità e gestione degli alberi ad alto fusto, problemi provocati dalle radici sui manufatti, piante da appartamento, terricci e rinvasi e scelta delle piante. Sono le tematiche che animeranno il pomeriggio degli agronomi all’interno del Festival del Verde e del Paesaggio oltre a progettazione, gestione, fruizione e cura del verde negli spazi urbani. I Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Roma risponderanno alle domande, racconteranno curiosità, parleranno della loro grande esperienza e conoscenza, si confronteranno con chiunque avesse voglia e desiderio di capire come “affrontare” un piccolo o grande spazio esterno, terrazzo, giardino condominiale o parco pubblico.

Scarica la locandina

18.00
Il biolago integrato nel paesaggio
Cos’è e come si realizza un biolago

con Vera Luciani Paesaggista

Un bacino ecosostenibile di acqua ideato per la balneazione che, ottimizzato dalla capacità fitodepurativa delle piante acquatiche e da una tecnologia avanzata, favorisce un habitat ricco di biodiversità.

Nella costruzione del biolago si utilizzano tecniche di ingegneria biocompatibile evitando interventi di cementificazione.

Vera Luciani progetta e realizza da più di vent’anni biolaghi, biopiscine e giardini, interventi nei quali l’acqua e le piante acquatiche, accuratamente selezionate, vivono in armonia con il paesaggio che le circonda.

Domenica 12 maggio

10.00-12.30
In un onesto errore – Giardino temporaneo

Il master in Progettazione del paesaggio è stato invitato dal Festival del Verde e del Paesaggio 2019 a presentare nella forma di un giardino temporaneo una riflessione su alcuni argomenti stimolanti nel rapporto fra il progetto di paesaggio e la città contemporanea. Il tema proposto è un accostamento a prima vista incomprensibile, e invece molto profondo, fra la figura di un protagonista dell’Art Nouveau, Charles Rennie Mackintosch, e una pianta, la rosa, che ha un fascino indiscusso fin dall’antichità. Emergono valori da porre come prioritari in una visione dove il giardino ha un profondo significato non solo culturale, sociale ed economico, ma anche, e forse soprattutto, politico, così come è stato interpretato da questo grande autore, un simbolo di democrazia e libertà.

Coordinatore scientifico: Prof. Bruno Filippo Lapadula
Tutor: Arch. Nives Barranca

Rapporto fra il progetto di paesaggio e la città contemporanea

Prof. Achille Ippolito Direttore del Master in Progettazione del paesaggio, Università degli Studi di Roma, La Sapienza
Il tema è attualmente sviluppato con i docenti e gli studenti del Master, l’intervento ne  illustra gli obiettivi e i risultati raggiunti attraverso l’attività di ricerca e di progettazione.

Il Progetto del giardino temporaneo

Prof. Franco Zagari, Università degli Studi di Roma, La Sapienza
L’intervento illustra il progetto realizzato all’interno dell’area del Festival, i criteri seguiti nella progettazione, i motivi della scelta delle piante e i risultati raggiunti con una dettagliata documentazione progettuale e fotografica.

Le rose del progetto

Sergio Mario Scudu (S’Orrosa Vivaio Tor san Lorenzo)
Dalla ricchissima produzione del vivaio vengono descritte le varietà di rose scelte dal progetto e illustrate le modalità di impianto.

Scarica la locandina

12.30
Premiazioni del Festival

15.00-16.00
Le nuove frontiere del Retail Erboristeria: sviluppo e digitalizzazione del punto vendita

a cura del Gruppo Cosmetici Erboristeria

          

Indirizzi di saluto Antonio Argentieri – Presidente

3 + 3 = Le 6 cose che l’erboristeria deve conoscere, fare e applicare per essere più efficace sui social

con Enrico Giubertoni Cosmetica Marketing

Come essere ancora più efficaci nel creare coinvolgimento nei clienti dei negozi erboristici attraverso i social network e i canali digitali? 6 consigli pratici per comunicare i valori del tuo negozio di erboristeria.  Questo intervento è rivolto alle erboristerie, ma contiene anche dei riferimenti ai produttori per coordinarsi meglio con le reti di vendita. Lo scopo è fornire ai partecipanti una serie di pratici consigli in pillola da applicare direttamente ai loro punti vendita.

16.30
Nuove prospettive per il verde pubblico: esperienze positive di decentramento.

a cura dell’Assessorato all’Ambiente del II Municipio

Introduce e modera Rosario Fabiano

Il Parco dei Caduti del 19 luglio 1943

Un importante bene comune tornato nel cuore dei cittadini. L’impegno civico quotidiano per rendere il quartiere sempre più verde e per “coltivare” il nostro futuro

Rossella Russo: Comitato di Quartiere S. Lorenzo

Il recupero dei giardini del quartiere Parioli Pinciano

Impegno civile come stimolo alla gestione decentrata del verde pubblico

Relatori: Paolo De Angelis e Andrea De Rosa Comitato Piazza Don Minzoni

Villa Leopardi un parco per tutti in un luogo storico

Il recupero di un luogo pubblico attraverso una disubbidienza civile al servizio dei cittadini.

Relatore: Massimo Proietti Rocchi Associazione Amici di Villa Leopardi

Nihil difficile volenti – Nulla e’ difficile se vogliamo

Relatore: Paolo Peroso – Amici di Porta Pia

Cura dei beni comuni e salute pubblica. La vertenza per la bonifica e la gestione trasparente del parco di Centocelle

Relatore: Luca Scarnati Comitato Parco di Centocelle

Riqualificazione del verde in un’icona del modernismo europeo

La proposta degli abitanti per un Parco Urbano Pubblico al Villaggio Olimpico.

Relatore: Valentino Anselmi – Associazione Parco del Villaggio Olimpico


SI RINGRAZIA LASSESSORATO SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E IL DIPARTIMENTO TUTELA AMBIENTALE DEL COMUNE DI ROMA